2011.01.20 Elettrosmog a Millan, sette casi sospetti di bambini nati con gravi deformità.

Il dispendioso, quanto inutile progetto della palestra di roccia sta per prendere
il via, mentre sindaco, giunta e parte dell’opinione pubblica si interrogano se
il tema del Giardino Vescovile possa essere la mela o i giochi d’acqua.

Insomma un comune che si prepara ad investimenti economici tanto grandi, quanto di dubbia utilità. Questa cosa stride però con la mancanza di fondi per lo spostamento
dei tralicci di Millan.

Gli abitanti del quartiere ad est della nostra città, devono continuare a sopravvivere con
l’inquinamento elettromagnetico causato dalle linee dell’alta tensione che
corrono sopra le loro teste.

In effetti, che importa se l’induzione elettromagnetica possa causare loro problemi, o
malattie gravi, gli stessi si “consoleranno” distraendosi al parco o scalando
pareti di roccia.

La battuta farebbe anche sorridere se in gioco non ci fosse la salute di tanti nostri
concittadini.

Ieri una delegazione della Lega Nord capeggiata dal battagliero Pio Zocchi, l’uomo che alla
guerra all’elettrosmog ha dedicato una vita, si è recata a Bolzano per
consegnare alla procura un documento redatto da un medico, una dottoressa brissinese,
che certifica la nascita di sette bambini con gravi deformità.

Questi sette bambini hanno una cosa in comune: le loro mamme hanno abitato durante la gravidanza sotto i fili dell’alta tensione che corrono lungo parte della nostra città.

Una cosa scioccante direi?!

Tant’è che la professionista brissinese definisce l’avvenimento quantomeno strano.

Certo, le misurazioni fatte in passato attestano che i valori dei campi magnetici
rientrano nei limiti di legge e non sono stati avviati studi statistici a tal
merito.

Tali rilevamenti però, a detta del collega Zocchi, sono stati eseguiti in momenti di bassa
richiesta d’intensità di corrente e senza la presenza della controparte.

Se per l’ufficio sanitario di zona questi bambini rientrano in una casistica di
casualità, per le persone che vivono all’ombra di queste linee elettriche però
questa non è certo una consolazione.

Al più presto mi attiverò affinché in consiglio comunale e provinciale verranno presentate
delle mozioni per invitare la giunta della città vescovile ad accelerare i
tempi dello spostamento di queste pericolose opere.

Massimo Bessone Consigliere Comunale Lega Nord e PDL di
Bressanone e Coordinatore Lega Nord Valli Isarco e Pusteria

Data: 22 Gennaio 2011

Annunci

Informazioni su Lega Nord Brixen Bressanone

Chi vota Lega Nord non è uno che odia, è uno che ama. Ama il rispetto, delle cose, delle leggi, il reciproco rispetto delle persone! Massimo Bessone - Coordinatore Lega Nord Valli Isarco e Pusteria Vice presidente del Consiglio Comunale di Bressanone
Questa voce è stata pubblicata in Politica, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...