2012.01.12 Bressanone – Nuova cabinovia della Plose.

Ieri sera, come centinaia di altri Brissinesi, mi sono recato presso il Forum per assistere alla presentazione del nuovo tracciato della cabinovia Bressanone – Plose che, dalla stazione ferroviaria, porterà al parcheggio poco sopra all’abitato di Sant’Andrea.
Si, non sto sbagliando tema, perché l’assemblea, alla quale ho assistito ieri sera, tutto era meno che la presentazione obiettiva di più tracciati.

L’assessore Thomas Widmann in primis ed il nostro sindaco poi, hanno lasciato trasparire che la loro intenzione è unicamente quella di far partire la nuova cabinovia solo ed unicamente dalla stazione ferroviaria.

Ma, andiamo con ordine.
Innanzitutto, lo studio di fattibilità è stato eseguito, come a Bressanone spesso avviene, da uno studio di Zurigo.
Caspita, ma possibile che nel nostro amato Alto Adige-Südtirol, terra dove gli impianti a fune e le ditte che li costruiscono sono leader a livello mondiale, non si possa incaricare per tali studi tecnici locali?!
Perché, come era già successo per il Giardino Vescovile, dobbiamo sempre mandare, spesso buttare, soldi a Zurigo?
Tornando ai vari tracciati, come si può desiderare di costruire una stazione a valle in prossimità della stazione ferroviaria!?
Sarebbe uno scempio paesaggistico scandaloso!
Prima di tutto ci è stato raccontato, dai relatori, che la soluzione della stazione è preferita proprio per la centralità del loco.
Perché, il centro di Bressanone dal parcheggio del Max è tanto più lontano?!
Non credo proprio!
A mio giudizio scartate tutte le altre ipotesi, l’unica soluzione accettabile potrebbe essere il parcheggio del Max o un ubicazione, forse ancora meno invasiva a Millan.
Il parcheggio del Max, rispetto alla stazione dei treni è più vicino alla tangenziale, dunque perché voler portare il traffico veicolare verso il centro?
In loco poi, è comodo parcheggiare la macchina, in stazione invece, non vi sono neppure i parcheggi per i pendolari.
In più, cosa più importante, sposterebbe più lontano dal centro abitato la cabinovia con tutti i suoi disagi.
Quando, durante la presentazione, a video è apparso il mega traliccio (di 45 m d’altezza) sulla rotonda di Via Vittorio Veneto, del quale si servirebbe il tracciato partente dalla stazione, il novanta per cento delle persone che erano presenti all’assemblea sono rimaste talmente sbalordite da rischiare quasi di cadere dalla sedia.
Ma siamo matti?!
Rovinare così l’ingresso alla nostra bellissima città!?
E, meno male che Thomas Widmann, come farà in ogni borgo altoatesino, ha detto che, per lui, Bressanone è la città più bella dell’Alto Adige!
Vi immaginate quanto brutto possa essere un opera del genere? Proprio in una terra di meravigliosi panorami, ove tutto è ben curato?!

Credo fortemente che, se il nostro sindaco cederà al volere dell’assessore ai trasporti, e darà la sua approvazione al tracciato che parte dalla stazione ferroviaria, godrà di una tale impopolarità che potrà consegnare direttamente le chiavi della città per le future elezioni a Walter Blaas.

Poi, anche se a norma, un tracciato che passa sulla città, sulle teste di centinaia di residenti, può rappresentare un pericolo anche per il traffico di elicotteri o piccoli aerei, ed allora, perché andarcele a cercare?!

Inoltre, far partire la cabinovia dalla stazione ferroviaria, sarebbe un ottimo lancio si per la Plose, ma sarebbe un grande autogol per la città di Bressanone.
I turisti soggiornerebbero in piccoli, meno attraenti, ma sicuramente più a buon mercato, borghi come ad esempio Chiusa o Fortezza, per poi partire con il treno alla mattina ed arrivare direttamente sulle piste. Senza giovarsi di alberghi, ristoranti e /o altro nella città vescovile.
Taluni potrebbero partire anche alla mattina presto da Bolzano, Trento o Verona e tornarsene a casa in serata, dando così ossigeno all’economia del comprensorio sciistico, ma non lasciando un quattrino alle nostre attività commerciali!

Poi, per cortesia, per uno come me che da anni si batte per spostare le linee dell’alta tensione da Millan, trovarsi a dover combattere con nuovi mostri che deturperebbero il paesaggio, anche se solo a livello estetico, tagliano in due la nostra amata cittadina, mi sembra un insulto!
Non vorrei dovermi trovare, tra un paio d’anni, a dover lottare, spinto dalla volontà popolare, per spostare il tracciato di qualche centinaia di metri a sud?!

Massimo Bessone
Consigliere Comunale Lega Nord e PDL di Bressanone
Coordinatore Lega Nord Valli Isarco e Pusteria

Annunci

Informazioni su Lega Nord Brixen Bressanone

Chi vota Lega Nord non è uno che odia, è uno che ama. Ama il rispetto, delle cose, delle leggi, il reciproco rispetto delle persone! Massimo Bessone - Coordinatore Lega Nord Valli Isarco e Pusteria Vice presidente del Consiglio Comunale di Bressanone
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...