2015.08.21 Lettera aperta all’assessore alle politiche sociali Martha Stocker, sul massiccio arrivo di clandestini e migranti nelle nostre valli.

La ricetta dell’accoglienza.

Martha Stocker - Massimo Bessone

È di ieri la notizia ufficiale che in taluni centri della Valle Isarco e Pusteria sono già arrivati clandestini e migranti ed in altri arriveranno a breve.

Certo, non è una novità, basta farsi un giro per le nostre città, stazioni ferroviarie o parchi per renderci conto che in realtà questo fenomeno è presente da tempo in Alto Adige.

Capisco che la nostra provincia si trovi a dover gestire una situazione d’emergenza, un pasticcio mal organizzato, imposto dal governo romano, ma la situazione potrebbe essere coordinata in altro modo anche localmente.

Sono dell’idea che i clandestini, la grande maggioranza, e i pochi migranti in fuga dai loro Paesi, debbano essere aiutati a casa loro, per garantire agli stessi ed ai loro popoli non solo un presente, ma anche un futuro dignitoso.

Posso però capire che Lei si trovi a dover smistare l’alto numero di nuovi arrivi, ma non si può far giungere nelle nostre valli decine e decine d’immigrati, insediandoli a forza in piccoli paesini ove talvolta il numero di residenti autoctoni non discosta di molto da quello dei nuovi arrivati.

Per ottenere una buona integrazione e per non andare a sconvolgere quello che è il micro cosmo di tanti piccoli borghi altoatesini, dobbiamo smistarli e dividerli in piccole unità coinvolgendo tutte le città e cittadine dell’Alto Adige.

Ad esempio, non possiamo mandare cinquanta immigrati, a regime saranno molti di più come in ogni centro d’accoglienza italiano accade, quasi tutti uomini, con usi, costumi, religioni diverse, nella piccola Prati di Vizze.

Questa è un invasione, questo è un ghettizzare non solo loro ma anche i Sudtirolesi! 

Se diversamente i clandestini o migranti venissero divisi a gruppi di tre o quattro e smistati su un numero più grande di località, si andrebbero ad integrare molto meglio, sarebbero più aiutati e meno temuti dalle popolazioni residenti e più facilmente controllabili dalle forze di Polizia.

Questa a mio giudizio sarebbe la ricetta ideale.

I fatti ci consegnerebbero una cronaca meno ricca di reati commessi da stranieri, di razzismo, e senz’altro convivenza ed accoglienza ne beneficerebbero.

Proprio perché criticare è facile, agire è assai più complesso, mi sono permesso di farle presente quella che senz’altro non è una mia scoperta, non è solo una mia idea, ma è la logica, l’espediente per interpretare al meglio un momento d’emergenza figlio di un fare che, a mio giudizio, rimane comunque sbagliato a livello nazionale e che, nel locale, stride molto perché vede una parte, sempre maggiore, di altoatesini che “non arriva a fine mese” o che si vede chiudere l’ospedale nella propria valle per mancanza di soldi, e un’altra, i clandestini, mantenuti dalla Provincia in Hotel. 

Massimo Bessone

Coordinatore Lega Nord Valli Isarco e Pusteria

Consigliere Comunale Lega Nord di Bressanone

 

Annunci

Informazioni su Lega Nord Brixen Bressanone

Chi vota Lega Nord non è uno che odia, è uno che ama. Ama il rispetto, delle cose, delle leggi, il reciproco rispetto delle persone! Massimo Bessone - Coordinatore Lega Nord Valli Isarco e Pusteria Vice presidente del Consiglio Comunale di Bressanone
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a 2015.08.21 Lettera aperta all’assessore alle politiche sociali Martha Stocker, sul massiccio arrivo di clandestini e migranti nelle nostre valli.

  1. ©Elisa ha detto:

    Condivido! … con la speranza che questo governo rinsanisce, o che si dimette! visto che non sa affrontare la situazione ormai molto grave!

    Mi piace

    • Non sa, non vuole…chissà…
      Mi dispiace molto per talune che sono povere persone, ma noi non abbiamo le risorse per poterli aiutare-mantenere.
      Il mondo si tutela, noi andiamo a prenderli sulle loro coste.
      Qui ci sono troppi interessi dietro di qualcuno che ci guadagna nell’orbita politica di chi ci governa.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...