2016.03.25 Brunico – La stazione ferroviaria, un brutto biglietto da visita.

Immagine presa da www.unsertirol24.com

Immagine presa da http://www.unsertirol24.com

Brunico il più bel borgo d’Italia, un paesino bello, organizzato, all’avanguardia per tecnologia e qualità della vita, un ospedale d’esempio in Italia, una montagna conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo per gli sport invernali.

Insomma un vero e proprio paradiso per turisti e residenti.

Peccato dunque vedere la zona intorno alla stazione ferroviaria, una delle porte d’ingresso alla città, in balia di un gruppo di accattoni, sedicenti rumeni, che creano scompiglio e terrore nei residenti ed offrono uno spettacolo davvero poco edificante per donne o ragazzi che si recano o tornano da scuola servendosi del treno. Alloggiano all’interno di un carro merci abbandonato nei pressi della stazione, urinano e defecano ovunque, noncuranti di chi si trova involontariamente testimone di questo triste spettacolo. Anzi, uno sguardo di troppo viene punito con sassi e parolacce. Vivono di espedienti ed elemosina, partendo alla mattina per il centro città con stampelle ed altri oggetti sulle spalle, atti a fingere menomazioni, e tornano in quello che ormai è il loro quartiere dopo aver racimolato qualche euro in barba alle persone di buon cuore o più credulone.

La sera il quartiere è evitato dai cittadini impauriti, già vittime di atti d’intimidazione.

Tutto questo fa riflettere, ancora una volta, su come il nostro Paese stia affrontando senza cognizione di causa la questione immigrazione. Come questo fenomeno abbia portato un netto peggioramento delle condizioni di vita degli altoatesini, sfumando, e Bolzano ne è l’esempio più triste, il mito dell’isola felice, il paradiso altoatesino.

Non dimentichiamo che l’Italia è il Paese ove non vi è certezza della pena, ove il troppo buonismo fa si che la situazione non cambierà finché non arriveremo al collasso, fino a quando i cittadini esasperati si faranno giustizia da soli.

Se questo è il futuro, l’aiuto che promettiamo a queste persone quando le facciamo entrare nel nostro Paese, allora vuol dire che in tante cose abbiamo fallito!

Aiutiamo chi veramente ne ha bisogno, non quantità infinite, ma chi ha veramente bisogno con più qualità per la nostra e la loro vita.

Massimo Bessone

Consigliere Comunale Lega Nord di Bressanone

Coordinatore Lega Nord Valli Isarco e Pusteria

Annunci

Informazioni su Lega Nord Brixen Bressanone

Chi vota Lega Nord non è uno che odia, è uno che ama. Ama il rispetto, delle cose, delle leggi, il reciproco rispetto delle persone! Massimo Bessone - Coordinatore Lega Nord Valli Isarco e Pusteria Vice presidente del Consiglio Comunale di Bressanone
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Accattonaggio, Ambiente, Attualità, Disabili, Immigrazione, Malavita, Politica, Sociale e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...